AREE PROTETTE

 

La rete delle riserve naturali regionali in Abruzzo garantisce una nuova possibilità di accesso ai grandi parchi nazionali appenninici. Sono riserve che tutelano acque di sorgente e cascate spettacolari, boschi nascosti e grotte sconosciute ma anche calanchi e campagne a mosaico mediterraneo, dove l’uomo ha conservato le sue antiche abitudini agricole compatibili con la tutela degli ecositemi. Con oltre un terzo del territorio protetto l’Abruzzo supera di molto la media nazionale, di poco sopra al dieci per cento.

È importante ricordare, oltre alla ricchezza della vita vegetale e animale con la presenza di specie che ormai possono sopravvivere soltanto in queste aree rigorosamente protette, l’economia rinnovabile, che porta la regione più protetta d’Europa ad offrire ad un turismo sempre più esigente una rete di servizi di accoglienza con numerose strutture ricettive di qualità e tante possibilità di fruizione,

a contatto con un mondo naturale in pericolo e per questo misterioso ed affascinante. Gli aderenti al Consorzio De Rerum Natura in Abruzzo operano su dieci riserve regionali. Tra i soci del Consorzio  anche COGECSTRE che ha superato 40 anni di attività nell'ambiente.