MARCO APPICCIAFUOCO

Nato a Teramo e si è formato all'Accademia di Belle Arti de L'Aquila. Partecipa a diverse esposizioni, personali e collettive, nazionali e internazionali e collabora con autori come: Luigi Ontani, Michelangelo Pistoletto, Sandro Chia e Enzo Cucchi, di seguito conosce Ettore Sottsass, Johanna Grawunder e così via  ricevendo consensi, premi e riconoscimenti professionali. Tra le sue personali nel  2010 'LIGHT FLOWERS' a cura di Franco Speroni, Galleria Hybrida Roma e nel 2012 'HIGH LIGHTS' ecomuseo delle acque S. Pietro Isola del Gran Sasso (Te) a cura M. Nardinocchi. Tra le collettive, nel 2011 la 54 Biennale di Venezia e '10/11 Hybrida contemporanea' a Roma.

MARIO COSTANTINI

Nato a Penne PE nel 1946. Nel 1967 ha vinto il premio “Fedele Brindisi”. Dal 1974 ha intrapreso una ricerca sui tessuti (deco-costruttivismo) partecipando alla X Quadrienniale d’Arte di Roma, a tre premi “Michetti” (XXIX, XXXII e XXXVI), a tre premi “Avezzano” (XXII, XXXIII e XXV), a diverse Biennali “Città di Penne” al  premio “Suzzara” e ad altre mostre collettive. Ha tenuto personali a Milano, Pescara, Perpignan, l’Aquila, Crajova, Roma ecc. Recentemente le sue ricerche si sono focalizzate sull’analisi dei suoi dipinti in forme scultore. Ha vinto numerosi premi tra i quali  XII Edizione Concorso Nazionale Bige Bugatti, Prima Biennale Nazionale d'Arte Sacra (Fermo), Third Millennium Premio Terra moretti. Ha realizzato sculture monumentali a Erbusco (Brescia), Montesilvano(Pe).

GINO SABATINI ODOARDI

Si è diplomato al Liceo Artistico di Pescara e successivamente in Pittura all’Accademia di Belle Arti di L’Aquila. Durante gli studi accademici determinanti sono stati gli incontri con Fabio Mauri, docente di Estetica (con il quale è stato performer in “Che cosa è il fascismo” nel 1997 alla Kunsthalle di Klagenfurt in Austria e successivamente assistente), Jannis Kounellis (di cui è stato allievo nel 1998 all’Aquila nell’ambito del Seminario-Laboratorio curato da Sergio Risaliti). Artista poliedrico, ma con solidi riferimenti all’arte concettuale, ha al suo attivo un nutrito curriculum di mostre importanti, personali e collettive in Italia e all’estero. Nel 2011 è stato invitato alla 54. Biennale di Venezia (Padiglione Italia, Arsenale).

FRANCO SUMMA

A partire dal 1968 ha realizzato, in varie città, numerose opere ambientali sia temporanee che stabili come “Parametri di incontri” a Penne nel 1971, “Un arcobaleno in fondo alla via” nel 1975 a Città Sant’Angelo, “Le Parole vivono nella Realtà le Cose nellaMente” a Castel di Sangro nel 1976, “Torre Genealogica” a Penne nel 1990, “La Porta del Mare” nel 1993, “Essere” nel 1994, “Laudato sì” nel 2000 a Pescara; “La Raccolta” nel 2006 a Bolognano; “Preludio” nel 2006 a Montesilvano; “Amare Progettare Essere” a Bolognano e Chieti nel 2009; “La Vita è Sogno la Vita è Segno” a Spoleto nel 2010, “L’Angelo della Rivelazione” nel 2014 a Castelvecchio Subequo.

ALBERTO DI FABIO

vive e lavora tra Roma e New York. Tra le personali "Erde, Ordnung und Chaos in der Natura-Ambiente," Magazin 4, Bregenzer Kunstverein (1997); Palazzo Collicola Arti Visive, Spoleto (2011); Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea, Roma (2012); " Une Installation," Mairie du 4 ° arrondissement, Parigi (2013); e "Dialoghi", Estorick Collection of Modern Italian Art, Londra (2013). Tra le collettive "The Return of Exquisite Corpse," The Drawing Center, New York (1993); Beijing International Art Biennal (2005); Galleria Nazionale d'Arte Moderna di New Delhi (2007); XV Esposizione Quadriennale d'Arte di Roma, Palazzo delle Esposizioni di Roma (2008); "Elevazione e permutazioni" Museo Ebraico di Venezia (2011); "Dublin Contemporary 2011", National Gallery, Dublino (2011); e Procuratie Vecchie, Venezia (2013). Nel 2010, alla 61° edizione della Premio Fondazione Michetti della "Dante Ruffini e Maddalena Pettirosso", fondato dal astrofisico Prof. Remo Ruffini, il premio è stato assegnato dalla giuria ad Alberto di Fabio per il suo lavoro acrilico su tela dal titolo "Sinapsi e Galassie "(2008). Di Fabio ha avuto sei mostre personali con Gagosian Gallery, Londra (2002 e 2007), Beverly Hills (2004), New York (2010), Atene (2011) e Ginevra (2014).

MATTEO NASINI

Nato a Roma il 22 gennaio 1976. Si è laureato in Contrabasso al Conservatorio Santa Cecilia di Roma e nel 2005 è entrato a far parte dell'orchestra Luigi Cherubini diretta dal maestro Riccardo Muti. Da tempo indaga le relazioni tra suono e arte visiva. Al museo della Bora di Trieste, nel 2009, ha presentato la mostra ''Risonatori eolici'', a cura di Rino Lombardi. Nel 2015 ha partecipato a vari progetti tra i quali ''La scrittura degli Echi'' al Maxxi e Sound corner all'Auditorium Parco della musica. Nel 2016 vince con l’opera ‘Sparkling Matter’ il Talent Prize, premio annuale della rivista “Inside Art” dedicato ai giovani artisti.

MARCO TIRELLI

Nasce a Roma, dove vive e lavora. Frequenta l’Accademia di Belle Arti diplomandosi nel corso di scenografia con Toti Scialoja. Agli inizi degli anni Ottanta stabilisce il suo studio nell’ex Pastificio Cerere, nel quartiere romano di San Lorenzo dove insieme a Ceccobelli, Dessì, Gallo, Nunzio e Pizzi Cannella dà vita alla Nuova scuola romana. Con loro, nel 1984, partecipa alla mostra Ateliers curata da Achille Bonito Oliva. Seguono numerose mostre personali in Italia e all’estero, e partecipazioni alle Biennali internazionali tra cui la Biennale di San Paolo, la Biennale di Sydney e quella di Parigi; e mostre collettive, tra le quali quelle che si tengono presso la Galleria Comunale d’Arte Moderna di Bologna, il Castello Colonna di Genazzano, e l’XI Quadriennale di Roma.

COSTAS VAROTSOS

Atene,1955.Vive e lavora in Grecia.Ha studiato Pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Roma e Architettura all’Università degli Studi di Pescara. Nel 1991 ha ottenuto la Borsa di Studio Fulbright. Nel 1999 è stato nominato Professore presso l’Aristotle University di Thessaloniki, dove tuttora ha una cattedra alla Scuola di Architettura.Nel 1987 ha rappresentato la Grecia alla Biennale di San Paolo e, nel 1999, alla Biennale di Venezia. Ha quindi partecipato alla Biennale di Venezia per il Padiglione Italiano nel 1992 e nel 1995, e alla Biennale Internazionale di Los Angeles nel 1999. Ha presentato i suoi lavori in numerose mostre nazionali e internazionali.Ha realizzato opera pubbliche per Grecia, Cipro, Italia, Stati Uniti e Svizzera.In Svizzera ha ricevuto il Premio “Via Trend 2004/2005″, per l’opera “Untitled 2001″ e a Palm Beach (Florida, U.S.A.), il Premio “Year in Review 2004″ per la Migliore Scultura per il lavoro “Vasi comunicanti”.Nel 2007 ha ricevuto il Premio “Segno d ‘Oro” per la Scultura per il contributo artistico apportato all’Italia e nel 2004 ha ricevuto la Distinzione Onorifica di Cavaliere dell’Ordine della Stella della Solidarietà Italiana dal Presidente della Repubblica Italiana.Nel 2014, l’opera “La tensione Energia” (2011), a Lucerna (Svizzera), è stata votata come migliore opera pubblica del paese.